Le Ali di Mercurio

enocode_logo

CAMPANIA: L’ANTEPRIMA DEI TRE BICCHIERI AL FEMMINILE, GAMBERO ROSSO 2017- LE DONNE DEL VINO CAMPANO

img_4093

On Enocode.com the portrait of three women from Campania who gained the Tre Bicchieri by Gambero Rosso Guide 2017, among which Villa Diamante at Montefredane (Irpinia) where we met Diamante Renna and her daughter  Serena. “After Antoine Gaita’s premature death, her husband, Diamante Renna’s  spiritual route to organize again the wine cellar at Montefredane, represents a good lesson of life, about women perseverance and passion. Also together with her daughter Serena, characterized by a stubborn will: she left Bologna to come back her town of origin, helping her mother in business, in a such difficult moment of their lives. After Antoine’s death, they lost their all world, not only both a husband and a father. He took care of all, from the vineyard to the cellar, with his attention and attitude to experience, just as a former chemical engineer can do. Now Diamante wisely relies on Vincenzo Mercurio oenologic counseling (former oenologist of Mastroberardino), a latest collaboration but it is already born under a lucky star. We are sure: little but big women will grow!” (Stefano Zaghini)

For the entire article click on the link below, please.

Enocode.com ci propone il ritratto di tre donne campane che hanno conquistato i Tre Bicchieri della Guida Gambero Rosso 2017, tra cui Villa Diamante a Montefredane (Irpinia) dove ritroviamo Diamante Renna e sua figlia Serena. “Dopo la morte precoce e recente del marito Antoine Gaita, il travaglio spirituale e organizzativo di Diamante Renna nell’assunzione in solitaria delle redini aziendali in quel di Montefredane, località Toppole, è una bella lezione sulla tenacia e sul cuore delle donne. Insieme alla figlia mossa anch’ella da una volontà caparbia: lasciare Bologna per far ritorno nella terra natìa, aiutando la madre in azienda, in questo momento difficile. Morendo Antoine è venuto a mancare tutto il loro mondo, non solo il marito e il padre. Antoine curava e seguiva tutto, dalla vigna alla cantina, con un fare spesso alchemico e sperimentale, come solo un ex-ingegnere chimico poteva avere. Saggiamente ora Diamante si affida alla consulenza dell’enologo Vincenzo Mercurio (ex di Mastroberardino), collaborazione molto recente ma già nata sotto una buona stella. Ne siamo sicuri: piccole grandi donne ora cresceranno!” (Stefano Zaghini)

Per l’articolo completo cliccare sul link riportato alla voce fonte.

Fonte: www.enocode.com

EnocodeFianoIrpiniaMontefredaneVillaDiamante

francesca • 8 settembre 2016


Previous Post

Next Post