Le Ali di Mercurio

corriere-del-mezzogiorno-2

Coda di Volpe «La Rivolta»: grandi equilibrio e spessore

la-rivolta-2013-mosto-sacro

“Coda di Volpe is for wine lovers. (…) A “smaller” white wine which has grown thanks to the dedication of the oenologists present in the historical suited areas of the region, first of all Vesuvius, the Taburno area and the Sannio (Benevento). In this last territory we can find some of the Coda di Volpe examples. Very successful, for istance, is Fattoria La Rivolta 2015  interpretation, at Torrecuso, fiefdom in the Sannio area belonging to the chemist Paolo Cotroneo from Naples. He, relying on the technical support of the talented oenologist Vincenzo Mercurio, offers us a very plastic and mineral version of this wine that rivals the most esteemed Falanghina and Greco.” (Gimmo Cuomo)

Click on the image to enlarge

“Il Coda di Volpe è un vino da amatori. (…) Un bianco “minore” che ha fatto progressi grazie alla dedizione degli enologi impegnati nelle aree storicamente vocate della regione, in primis il Vesuvio, l’area del Taburno ed il Sannio. In quest’ultimo territorio ritroviamo alcune interpretazioni. Molto riuscita, per esempio, quella 2015 di Fattoria La Rivolta di Torrecuso, feudo sannita del farmacista napoletano Paolo Cotroneo. Che, potendo contare sull’apporto tecnico del valente enologo Vincenzo Mercurio, propone quest’anno una versione molto plastica e minerale da fare invidia ai più quotati Falanghina e Greco.” (Gimmo Cuomo)

Cliccare sull’immagine per ingrandire

CodadiVolpeCorrieredelMezzogiornoFattoriaLaRivoltaGimmoCuomoSannioTorrecuso

francesca • 20 marzo 2016


Previous Post

Next Post