Le Ali di Mercurio

Florami-vino Pignataro - Copia (2)

Florami Indole, la Falanghina biologica del Vesuvio di due ingegneri napoletani con la passione del vino – LucianoPignataro wineblog

Florami Indole Falanghina on LucianoPignataro wineblog: Simona Mariarosaria Quirino guides us by hand through the vineyards at the slopes of Vesuvius to discover this white wine. “Indole (‘Character’), it’s the name of this Falanghina 100%. Everyone has got character, also a wine, above all this one made by Mario Terzo and his wife, two engineers from Naples joining the same passion. Their Falanghina, called Indole (Character), was born in 2015 when they right from Naples, where they live, decided to buy one hectar of land at the slopes of Vesuvius to graft their vine grape at Trecase, in a volcano nature reserve. “My aim – Mario says – is to replicate the real Falanghina of this territory, that one made by the vesuvian farmers once inhabited these lands.”

For the entire article click on the link below, please

Florami Indole Falanghina su LucianoPignataro wineblog: Simona Mariarosaria Quirino ci guida per mano attraverso il vigneto alle falde del Vesuvio per poi raccontarci questo vino. “Indole. Tutti ne abbiamo una, anche il vino, soprattutto quello di Mario Terzo e sua moglie, due ingegneri napoletani accumunati dalla stessa passione. La loro si chiama Indole ed è una  Falanghina che nasce nel 2015 quando dal Vomero, dove abitano, decidono di comprare un ettaro di terra vesuviana e di impiantarvi il loro vitigno. A Trecase, precisamente a via Tirone della Guardia, in una riserva naturale del vulcano. “Il mio obiettivo” – dice Mario – è quello di voler riprodurre la Falanghina del posto, quella dei contadini vesuviani che una volta abitavano queste terre”.

Per l’articolo completo cliccare sul link riportato alla voce fonte.

Fonte: lucianopignataro.it

FalanghinaFloramiIndoleLucianoPignatarowineblogMarioTerzoSimonaMariaRosariaQuirinoTrecaseVesuviovolcanicsoil

francesca • 26 ottobre 2018


Previous Post

Next Post