Le Ali di Mercurio

PI_carousel_gamberorosso0

Focus Vinitaly. Cronache da Verona. Le Ali di Mercurio: a scuola di cantina

On Gambero Rosso, Stefania Annese interviews the oenologist Vincenzo Mercurio who has presented his new project at Vinitaly2016, Le Ali di Mercurio academy: “The courses are for the people looking for a perfection for the life in the wine cellar in order to delegate the work, without doubts and with authoritativeness. The lerning modules are different: it starts with the basic oenological principles until the “Wine Cellar study” divided into three steps, from the the logical cleaning of the wine cellar to the filtration and the bottle filling, to finish with the sensory analysis. Our first course will be in the area of Sannio” as Vincenzo says “30 persons, mainly winemakers, trusted in our learning strategy. However, we are ready to go outside the Campania, reaching all the places where our help will be accepted. The good knowledge of the working tools is a crucial aspect, for this reason we have created a barrique sessions to make understand what is into a simple aging wine tool. So we can combine the theory with the practice, simulating the most frequent mistakes.”  The Academy also leads an experimental centre, where they try to find alternative solutions to the different aspects concerning viticulture.

For the entire article click on the link below, please.

Su Gambero Rosso, Stefania Annese ci propone l’intervista a Vincenzo Mercurio che al Vinitaly ha presentato il suo nuovo progetto, l’Accademia delle Ali di Mercurio: “I corsi sono dedicati agli operatori che ricercano una perfezione della vita di cantina per poter delegare il lavoro, senza incertezze e con autorevolezza. I moduli sono vari: si parte dai principi base dell’enologia per passare alla Cantinologia, dalla 1 (la pulizia “logica” della cantina) fino alla 3 (stabilizzazioni, filtrazioni, imbottigliamento) e concludere con l’analisi sensoriale. Il nostro primo corso sarà nell’area della denominazione Sannio”ricorda Vincenzoben 30 persone, per lo più produttori, si sono affidati alla nostra formazione. Ma siamo pronti ad andare oltre la regione Campania raggiungendo i luoghi in cui occorrerà il nostro aiuto. La conoscenza approfondita degli attrezzi di lavoro è un aspetto centrale, per questo abbiamo creato delle sezioni di barrique per far capire cosa si annidi in un semplice strumento di affinamento del vino. Possiamo così fondere la conoscenza teorica con la pratica, simulando i più frequenti errori che si possono commettere.” L’Accademia è impegnata anche nella direzione e gestione di un centro sperimentale, in cui si cercano soluzioni alternative alle diverse questioni connesse alla viticoltura.

Per l’articolo completo cliccare sul link riportato alla voce fonte.

Fonte: gamberorosso.it

AccademiaLeAlidiMercurioGamberoRossoStefaniaAnneseVinitaly2016

francesca • 13 aprile 2016


Previous Post

Next Post