Le Ali di Mercurio

13606904_686497901504352_389408156828780373_n (1)

Il Cesanese, uno e trino: le migliori etichette tra Affile, Piglio e Olevano Romano – Slowine

Marco Antonelli among the top wine producers of Cesanese di Olevano Romano, on Slowine through a journey to discover the Cesanese native variety: “During the last two decades there was a right rediscover and a good enhancement of local grape varieties called “minor” as the Cesanese, a native red variety that best represents the wine-growing of Lazio region, with three ranges: Cesanese del Piglio, Cesanese di Affile and Cesanese di Olevano Romano. Marco Antonelli offers three kinds of Cesanese di Olvevano Romano: Il Fresco 2016 Cesanese di Olevano Romano not to be missed, a great example of a daily good drink. Moreover, Tyto 2015 Cesanese di Olevano Romano Superiore, with a strong character; and the last but not the least, Kósmos Riserva 2015, ‘older brother’ than Tyto (…) a wine to be left in the cellar.” (Fabio Giavedoni, Slowine)

For the entire article click on the link below, please

Marco Antonelli tra i produttori top del Cesanese di Olevano Romano, raccontato da Slowine in un percorso alla scoperta del vitigno Cesanese: “Negli ultimi due decenni c’è stata una giusta riscoperta e una virtuosa valorizzazione di varietà autoctone banalmente definite “minori” come il Cesanese, vitigno autoctono a bacca nera che meglio rappresenta la vitivinicoltura del Lazio, con ben tre declinazioni: Cesanese del Piglio, Cesanese di Affile e Cesanese di Olevano Romano. Marco Antonelli propone ben tre versioni di Cesanese di Olevano Romano, tra le quali privilegiamo l’imperdibile (per il rapporto tra la qualità e il prezzo) Cesanese di Olevano Romano Il Fresco 2016 (…) un ottimo esempio di bere bene quotidiano. Seguono il Cesanese di Olevano Romano Sup. Tyto 2015 – che offre un naso di piccoli frutti rossi e di chiodo di garofano, con beva asciutta, lievemente sapida e di grande personalità – e il Cesanese di Olevano Romano Kósmos Ris. 2015, fratello maggiore del Tyto (…) un vino da far riposare in cantina.” (Fabio Giavedoni, Slowine)

Per l’articolo completo cliccare sul link riportato alla voce fonte.

Fonte: www.slowfood.it/slowine

CesaneseDocIlFrescoKosmosMarcoAntonellinativevineOlevanoRomanoredwineslowfoodslowineTyto

francesca • 16 gennaio 2019


Previous Post

Next Post