Le Ali di Mercurio

vino-scomposto-682x1024 - Copia

Sant’Agostino, la Malvasia si veste di lusso – LaRepubblica

27 06 2019 TSA

Scomposto 2016, Malvasia grape variety of Tenuta Sant’Agostino on Repubblica by Antonio Corbo: “Carlo Ceparano, Tenuta Sant’Agostino’s owner, tells us about his strange life:a happy ride against the tide (…) After making wines just for family and friends, they want to get higher quality: organic, as soon as possible biodynamic. They miss an oenologist, they fight for having Vincenzo Mercurio, an ambitious winemaker who never withdraws from curiosity. Solopaca town (Benevento province) offers both Trebbiano and Malvasia varieties. Mercurio decides to break down into two intriguing whites. First Scomposto, Malvasia 100%. Then VentiVenti, just Trebbiano (…) the method is evolutive anyway it taps into the past: no skins, aging in amphora.”

For the entire article click on the link below, please

Scomposto 2016, la Malvasia in anfora di Tenuta Sant’Agostino su Repubblica nell’articolo di Antonio Corbo. “Carlo Ceparano racconta volentieri la sua strana vita: una felice corsa controcorrente (…) Dopo i vini per famiglia ed amici si cerca qualità: biologici subito, appena possibile biodinamici. Manca un enologo, si battono per  essere clienti di Vincenzo Mercurio, un winemaker ambizioso che non divorzia mai dalla curiosità. Solopaca offre Trebbiano e Malvasia. Mercurio decide di scomporli in due bianchi intriganti. Prima nasce Scomposto, solo Malvasia. Segue VentiVenti, Trebbiano (…) Il metodo è evolutivo, ma attinge nella memoria: niente bucce, affinamento in anfore.”

Per l’articolo completo cliccare sul link riportato alla voce fonte.    

Fonte: LaRepubblica.it

amphoraanforaAntonioCorboBeneventanoIGTISignoridelVinoLaRepubblicaMalvasiaScomposto2016SolopacaTEnutaSantAgostinoTrebbianoVentiVentiwhitewine

francesca • 27 giugno 2019


Previous Post

Next Post