Le Ali di Mercurio

53709504_2172582856366889_8901347294650040320_o

Biancolella Isola di Ponza Lazio Igp 2018 Antiche Cantine Migliaccio – LucianoPignataro wineblog

biancolella (2)

“When you talk about Isola di Ponza (Lazio) quickly you think of another bigger and not so far island, that is Ischia (Campania). In fact, Ponza inhabitants come from the former settlers from Ischia (…) Also the winegrowing has been influenced by ancient traditional methods, for example the grape varieties from Ischia implanted also on Ponza island: Piedirosso, Aglianico, Forastera, Guarnaccia and Biancolella. Just this last vine is the most widespread, from which an excellent wine is obtained. Like the one produced by Emanuele Vittorio Migliaccio and his wife Luciana Sabino, Antiche Cantine Migliaccio’s owners at Punta Fieno in Ponza, four ungrafted hectares of vineyards (…) Biancolella Isola di Ponza Lazio Igp 2018 has a beautiful, cristal clear yellow. On the palate, a characteristic and fresh sip, clear and dry, sapid and mineral, iodized and soft (…) On the finish, a seductive complexity, gentle and satisfying with a flavorful and communicative feature.” (Enrico Malgi)

 For the entire article click on the link below, please

“Dici isola di Ponza e subito pensi ad un’altra isola più grande e poco distante, quella di Ischia. Infatti, gli attuali abitanti pontini discendono per buona parte da coloni ischitani (…) Anche la viticoltura è stata fortemente influenzata da pratiche di antiche tradizioni, tanto è vero che la coltivazione delle specie varietali è stata implementata da vitigni allevati nella stessa Ischia come il Piedirosso, l’Aglianico, la Forastera, la Guarnaccia e la Biancolella. Quest’ultimo vitigno è quello più diffuso in tutto l’arcipelago pontino e da cui si ricava un ottimo vino bianco. Come quello prodotto da Emanuele Vittorio Migliaccio titolare, con sua moglie Luciana Sabino, delle Antiche Cantine Migliaccio a Punta Fieno di Ponza, che può contare su quattro ettari vitati a piedefranco (…) La Biancolella Isola di Ponza Lazio Igp 2018 alla vista si presenta un bel colore giallo paglierino lucente. In bocca fa il suo ingresso un caratteristico sorso che si rivela subito fresco e scorrevole, pulito ed asciutto, sapido e minerale, iodato e morbido (…) Il contesto finale si fa apprezzare per un tono di seducente complessità, carezzevole ed appagante e per un carattere saporito e comunicativo.” (Enrico Malgi)

Per l’articolo completo cliccare sul link riportato alla voce fonte.

Fonte: www.lucianopignataro.it

AnticheCantineMigliaccioBiancolellaenricomalgiIsoladiPonzaLazioLazioIgtLucianoPignatarowineblogwhitewine

francesca • 3 febbraio 2020


Previous Post

Next Post